La disfagia spesso migliora nelle prime settimane dopo l’ictus ma, se grave e persiste, pone indicazione per la sospensione della alimentazione per bocca o la modifica delle consistenze permesse. In alcune circostanze  l’idratazione, la nutrizione e i farmaci potrebbero dover essere assunti tramite sondino enterale (nasogastrico o gastrostomia) o parenterale. Ad oggi, nessun trattamento ha dimostrato di ridurre la durata o la gravità della disfagia dopo l’ictus. La stimolazione elettrica faringea (PES) è stata proposta come trattamento ed è stato sperimentato un tubo di alimentazione modificato che fornisce PES è stato sviluppato. Nonostante gli incoraggianti studi preliminari, 2 il trattamento multicentrico di deglutizione con stimolazione stimolazione elettrica (STEPS) 3 (n = 162), che ha testato se il dispositivo ha ridotto la disfagia definita in videofluoscopia o clinicamente, ha prodotto risultati neutri. Le spiegazioni offerte dagli investigatori includevano una dose inadeguata, scarsa aderenza e tassi elevati di recupero spontaneo perché i pazienti avevano avuto un ictus relativamente lieve e hanno proposto che il dispositivo potesse avere un effetto maggiore nei pazienti con ictus più grave.

Fonte: Lancet, 28 agosto 2018