L'ictus e il nichilismo terapeutico

Vado spesso in Canada per formarmi e specializzarmi sui più moderni orientamenti nella Afasiologia…ma è da segnalare il fatto che in quelle Università, in quelle Biblioteche molti dei testi che mi hanno “formato” e talora illuminato sono di 60 anni fa…dunque rivediamo il termine “moderno” quando si parla di Afasiologia Italiana. Non voglio aprire una discussione sui contributi della…

Read more →

Teatro della Salute e persone con Afasia

Da gennaio, presso il Teatro dell’Ortica, con cui collaboro, verrà attivato un Laboratorio Teatrale integrato, per persone con afasia e familiari. L’Ortica opera a Genova, prevalentemente nell’ambito del “Teatro Sociale”, cioè di quel teatro che si muove sul terreno delle marginalità, con un’attenzione particolare agli aspetti riabilitativi o di prevenzione sociale. La nostra proposta prevede un’esperienza laboratoriale da svolgersi…

Read more →

Càpita

“Càpita che si viva tutta una vita senza imbattersi in una malattia che invece a un certo punto prenderà per te la faccia del destino. Capita di essere felici senza saperlo, di dare generosamente senza pensare di essere generosi e capita di scoprire che la gratitudine è un sentimento raro poco sentito e poco praticato; capita di essere delusi…

Read more →

Rinascita

L’ictus ridefinisce tirannicamente ogni cosa. Quando confrontato con il suo terribile ultimatum, esso può provocare sia la caduta che la rinascita del paziente, Esso lo spinge ad accettare la responsabilità della propria esistenza nel nuovo corpo invalido o a gettarsi nella distruzione personale disperata e assoluta. Abbiamo la possibilità di essere vittime o sovravvissuti e dobbiamo afferrare la nostra…

Read more →

La disfatta della (gamba) sinistra.

Lunedi ho avuto un incidente in moto, 118, ambulanza, pronto soccorso, ginocchio lussato, legamenti rotti, riduzione manuale della lussazione, ingessatura dalla coscia al piede. Un tourbillion in cui sono stata manipolata, girata e rigirata senza che mai mi si dicesse cosa mi aspettasse. Essendo frastornata dal trauma ho fatto poche domande di mia iniziativa (tipo…mi fa per favore la…

Read more →

Più che sopravvissuti

Come ogni martedi, oggi ho risposto per due ore allo Sportello telefonico Afasia. Sono sommersa dalle storie incredibili di viaggi della speranza, diagnosi poco chiare, confusioni sapientamente orchestrate dai servizi …Ciò che trattengo è la grande, infinita determinazione dei familiari …di mogli, madri, figli e figlie (per lo piu’) che, nonostante le neghittosità dell’ambiente circostante, persistono nella ricerca del…

Read more →

Dubbi domenicali

C’e’ qualcosa che mi impensierisce.Come mai sempre più spesso incontro persone con afasia che mi dicono “Continuo ad andare alle sedute di logopedia perche’ mi spiace far rimanere male la giovane logopedista che mi segue. Mi ricorda mia figlia…mi fa muovere la lingua e destra e a sinistra DA MESI ma non vorrei mai che passasse dei guai con…

Read more →

Maternage? Sì ma….

“Il maternage ha come immagine di partenza la persona adulta (una madre per esempio) con un bambino in braccio. Il maternage è la possibilità di avere in braccio un bambino avendo nel proprio corpo, attivi, gli elementi sensoriali che permettono di fare un’operazione tesa tra due poli, il contenimento (che impedisce al bambino di squilibrarsi, di cadere, di farsi…

Read more →